ABOUT ME

Curiosa, entusiasta, sempre in movimento. Da quando ho iniziato a viaggiare non ho piu smesso! Se vuoi conoscermi meglio clicca sulla mia foto.

Stay Connected

KOH SAMUI: Promossa ma con riserva

Dopo 4 giorni a Bangkok e altri 5 di tour nel Nord è tempo di mare e di relax assoluto!

Raggiungiamo Koh Samui con la Bangkok Airways ( la low cost della Thai). I prezzi dei voli interni si aggirano attorno ai 100, 150
euro a tratta, non propriamente economici ma sicuramente il mezzo più comodo e veloce.

Koh Samui è il giusto compromesso se avete  solo 4 o 5 giorni da dedicare al mare e se detestate perdere tempo con i trasferimenti un po’ laboriosi. Il fatto che Samui si raggiunga facilmente in poco meno di un’ora di volo da Bangkok ne fa una meta comoda. Dall’aeroporto di Samui poi è un attimo raggiungere gli alberghi sulle spiagge, spesso è una questione di 10 o 15 minuti di taxi, non di più.

La vicina isola di Koh Phangan invece richiede un ulteriore trasferimento in traghetto, cosa che fa perdere facilmente mezza giornata
all’arrivo ed un’altra alla partenza, troppo se vi fermate pochi giorni.

Purtroppo a causa della continua urbanizzazione l’isola di Koh Samui oggi non e’ più il paradiso nascosto dei Mari del Sud ma un posto super organizzato, dove c’è tutto, e dove se volete potete tenervi impegnati dal mattino alla sera.

Noi alloggiamo al Samui Resotel Beach Resort, ubicato sulla spiaggia di Chaweng, in assoluto la più bella di Samui. E’ la piu’ lunga e la piu’ famosa dell’isola: una distesa di 7 km di sabbia bianca e soffice come talco e l’acqua limpidissima.
Ovviamente è anche la spiaggia più’ frequentata ma per fortuna il nostro Hotel si trova nel tratto più meridionale e piu’ tranquillo della spiaggia.

Spiaggia fornita di un bizzarro quanto mai improbabile punto ristoro di cui eravamo ormai clienti abituali!!!




La via principale che costeggia la spiaggia di Chaweng e’ parecchio trafficata, scooter, Tuk Tuk, taxi, ect. nonostante la via sia parecchio stretta. Sulla via si trovano una serie infinita di SPA center, ristoranti, bar, supermercati, negozi di souvenirs…come dicevo ci si può tenere occupati dalla mattina alla sera!

Per girare e andare alla scoperta dell’isola consiglio di affittare uno Scooter.

Koh Samui ha infatti una superficie piuttosto vasta, l’anello stradale che ne percorre l’intero perimetro e’ lungo quasi 100 Km
e  lo scooter e’ indubbiamente il mezzo più comodo per spostarsi in autonomia. Il costo e’ di appena 300 Bath al giorno e ci si può ovviamente salire in due. I locali ci viaggiano anche in 3 o più’….animali compresi!!

Occorre guidare con estrema prudenza, qui si guida a sinistra e la guida dei locali e’ abbastanza imprevedibile.

Koh Samui non è solo Chaweng.

A Sud dell’isola la spiaggia più conosciuta è’ quella di Lamai.
La spiaggia di Lamai è bella, lunga ed ampia anche se il mare è meno limpido ed azzurro rispetto a Chaweng.  Noi scegliamo una caletta situata tra Chaweng e Lamai, la Crystal Bay o Silver Beach. A differenza delle altre spiagge dell’isola, tutte molto lunghe, questa spiaggetta e’ raccolta e chiusa da
scogliere sui entrambi i lati.  Il panorama della baia con la scogliera ricoperta di vegetazione è magnifico, la sabbia è fine e bianca e c’è anche un po’ d’ombra.

Anche se l’acqua è meno limpida che a Chaweng, rimane un ottimo posto dove stare una paio d’ore.

Sicuramente più piacevole di Chaweng è il paesino turistico di Lamai, è raccolto e la piccola strada che lo attraversa, Hat Lamai Road, è meno trafficata ed ha più atmosfera. Anche qui negozi, ristoranti e locali fiancheggiano la via su entrambi i lati per centinaia di metri. Se volete ammirare un tramonto da cartolina dovete dirigervi verso Nord e vi imbatterete nella famosa la Big Buddha Beach. La spiaggia prende il nome dal Tempio di Big Buddha, una grande statua color oro alta 12 metri che domina dall’alto tutta la baia. Anche se molto quieta e  semi deserta la Big Buddha e’ una spiaggia poco significativa.


L’arenile è stretto e non mi è parso particolarmente invitante, l’acqua appare poco limpida, parecchie le imbarcazioni ormeggiate nel tratto di mare antistante. L’atmosfera che si respira qui è certamente piacevole, l’aria è più rilassata, qualcosa che si avvicina alla Samui di una volta, ma il problema vero sono le spiagge ed il mare, abbastanza insignificanti le prime e banale se non brutto il secondo.

Merita sicuramente una sosta il Fisherman’s Village di  Bophut.

E’ un posto di atmosfera, è qui più che altrove che ritrovi la Samui di un tempo.

Il paesino è minuscolo, poche viuzze fiancheggiate da edifici bassi, alcuni moderni, altri vecchie shophouses cinesi in legno ora completamente ristrutturate. Noi capitiamo durante il mercato serale che si tiene una volta la settimana…quando si dice il caso! Una miriade di bancarelle che vendono di tutto, da invitanti piatti di noodles fumanti, dolcetti al cocco, spiedini di pollo e di pesce a souvenir, abbigliamento, elettronica, ect, ect….un grand bazar a cielo aperto e concentrato nell’unica e stretta via che attraversa il villaggio. Valeva di essere visitato!

 

 

 

 

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Stay Connected

ABOUT ME

Curiosa, entusiasta, sempre in movimento. Da quando ho iniziato a viaggiare non ho piu smesso! Se vuoi conoscermi meglio clicca sulla mia foto.

INSTAGRAM FEED

Loading...

Categorie

Archivi

Advertise

×