ABOUT ME

Curiosa, entusiasta, sempre in movimento. Da quando ho iniziato a viaggiare non ho piu smesso! Se vuoi conoscermi meglio clicca sulla mia foto.

Stay Connected

Viaggio in Marocco, cosa vedere a Essaouira in 1 giorno

Essaouira è stata l’ultima tappa del nostro viaggio in Marocco. 

Situata lungo la costa atlantica del Marocco, a 170 km ad ovest di Marrakech, questa cittadina accarezzata dagli alisei, è un vero mondo a parte. 

L’animato porto, la piccola fortezza, il bianco cangiante dei muri, le antiche botteghe artigiane e la rilassatezza dei suoi abitanti.  Una cittadina che coniuga perfettamente la cultura arabo-musulmana con quella europea, tipica dei posti di mare. 

In origine Essaouria era chiamata Mogador, cioè piccola fortezza. Fortificata e ricostruita nella metà del XVIII secolo si sviluppa relativamente tardi rispetto alle altre medine del Nord Africa ma da subito diventa un importante centro commerciale che collega il Marocco con il resto dell’Africa e dell’Europa.

Grazie alla sua vicinanza con Marrakech è possibile visitarla anche solo in giornata. La strada è perfettamente tenuta e ben indicata, dovete solo fare molta attenzione ai velox disseminati praticamente ovunque. La polizia stradale su questo tratto è onnipresente e non fa sconti. Se velo dico, ho i miei motivi. 

Se non avete a disposizione un’auto, Essaouria è raggiungibile da Marrakech anche in autobus. Ci sono due compagnie che effettuano questa tratta la Supratours e CTM, potete verificarne costi e orari direttamente on line.

Da Marrakech ad Essaouria il paesaggio è caratterizzato da colline punteggiate da ulivi ed alberi di argan, una ghiottoneria per le capre che si arrampicano anche sui rami più alti in cerca delle foglie più tenere. I contadini locali hanno abilmente sfruttato questa caratteristica per attirare i turisti che non disdegnano una sosta fotografica fuori dal comune. Ovviamente qui la situazione è un tantino forzata dalla mano dell’uomo ma se vi addentrate nelle stradine di campagna più interne vi imbatterete spesso scene simili. 

Marocco, albero di arganMarocco, albero di argan

L’albero di argan cresce principalmente in questa zona del Marocco. Dai frutti viene ricavato il famoso olio di argan utilizzato sia in cucina che per trattamenti di bellezza. Lungo la strada troverete numerose cooperative di donne che lavorano l’argan. Boccette di olio di argan si trovano ovunque in Marocco ma qui è possibile acquistare questo prezioso olio ed essere al contempo certi della sua qualità, inoltre oltre a ricevere una interessante spiegazione sui processi di lavorazione, è un modo per supportare le donne delle comunità. 

Non ci sono particolari monumenti o musei da vedere ad Essaouria, si viene qui principalmente per godersi una giornata fuori dal trambusto di Marrakech, per assaporare l’atmosfera tranquilla che si respira nella medina, passeggiare lungo la spiaggia bagnata dall’oceano, per respirare salsedine e aria di mare. Essaouria trasmette quella gioia e quel senso di libertà che solo le cittadine di mare riescono ad infondere. 

Essaouira, Marocco

E poi con le sue case bianche e blu è molto suggestiva e fotogenica. 

Essaouira, Marocco

La nostra visita ha inizio dal Porto, la vera anima della città. 

Porto

Indubbiamente il luogo più pittoresco della città, con le caratteristiche barche azzurre dei pescatori ormeggiate al molo. 

È anche la zona più attiva e frenetica, con i pescatori che scaricano il pesce appena arrivato, quelli che lo puliscono e lo vendono su bancarelle improvvisate, quelli che seduti all’ombra di uno scafo riparano o piegano le lunghe reti rosse. 

Essaouira, Marocco Essaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoEssaouira, Marocco

Poi ci sono i gabbiani. Centinaia di gabbiani che si contendono con i gatti randagi gli scarti del mercato del pesce. 

Essaouira, Marocco

E poi ci sono i ristoranti che chiamano a gran voce i turisti invitandoli a sedersi ai propri tavoli per gustare il pescato del giorno. Non aspettatevi dei ristoranti veri e propri. Sono dei banchetti che friggono e grigliano il pesce al momento e se vi piacciono i locali alla mano il pesce oltre che freschissimo è buonissimo. 

Vi ho detto che si viene ad Essaouira per assaporare la sua atmosfera tranquilla ma sappiate che al porto regna il caos, a cui va aggiunto l’odore forte e pungente del pesce fresco, pozzanghere di acqua sudicia e grovigli di reti indurite dalla salsedine che vi costringeranno a saltellare da un piede all’altro tra le imprecazioni di qualche pescatore che non vuole essere fotografato e gli spintono dei locali che vanno di fretta mentre voi, imbambolati da questa babilonia di stimoli, gli starete sicuramente intralciando il passo.  

Essaouira, Marocco Essaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoDSC_6122Essaouira, Marocco

Un tempo il Porto di Essaouira giocava un ruolo fondamentale per gli scambi commerciali del Marocco. Da qui partivano navi non solo per l’Africa Subsahariana ma anche per l’Europa e le Americhe. Le acque di questo porto però non erano abbastanza profonde per sostenere scambi commerciali sempre più fiorenti che necessitavano di navi sempre più grandi. Dopo la costruzione nei moderni porti di Casablanca, Tangeri ed Agadir il porto di Essaouria ha conosciuto una fase di declino e di stallo ma oggi il turismo ha rilanciato questa località, che attira ogni anno migliaia di visitatori. 

Sqala du Port 

Il fascino decadente del porto è arricchito dalla presenza della Sqala du Port, una fortificazione settecentesca costruita per proteggere la citta dagli attacchi via mare. Sono ancora presenti i vecchi cannoni spagnoli in ottone del XVII e XVIII puntati verso il mare, ancora sull’attenti. È possibile passeggiare sui bastioni e godere di uno splendido panorama, sia dell’oceano che del porto stesso. L’ingresso è a pagamento ma costa solo l’equivalete di € 2. Poco dopo il portone di ingresso trovate una apertura circolare sul bastione che inquadra la città. È la foto classica che fanno tutti ma è sempre di grande effetto. I bastioni furono progettati nel 1769 dall’architetto francese Théodore Cornut su ordine del sultano del Mohammed Ben Abdellah. Al tramonto, le mura merlate assumono una sfumatura dorata. È il momento più suggestivo per sedersi a contemplare l’orizzonte tra lo sciabordare delle onde e lo stridio dei gabbiani. 

Non sono una fan ma è giusto segnalare che qui hanno girato alcune scene della serie “Game of Thrones”. 

Essaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoEssaouira, Marocco

MEDINA 

La Medina di Essaouira è una vera chicca. Nel 2001 è stata inserita dall’Unesco tra i patrimoni mondiali dell’umanità.  Decisamente meno caotica di quella di Marrakech ma ugualmente ricca di fascino. È grande abbastanza da tenervi occupati per qualche ora ma non intricata come quella di Fés. Tanto per avere un riferimento ricordate che è attraversata da due strade principali, Bab Marrakech e Bab Doukkala. Le strade sono ampie e tutte contrassegnate dal loro nome. Potete gironzolare tranquilli e infilarvi anche nelle stradine più interne senza l’ansia di perdervi. E cosa più importante è totalmente pedonale, qui non ci sono i maledetti motorini di Marrakech quindi potrete davvero passeggiare come normalmente fate a casa senza guardarvi alle spalle ogni due minuti per paura di venire investiti.  

Essaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoEssaouira, MaroccoEssaouira, Marocco

I negozi si susseguono l’uno dopo l’altro, una gioia per gli occhi un po’ meno per il vostro portafogli. Troverete splendidi prodotti di artigianato locale, dall’argento ai tappeti, ad oggetti in ebano intarsiati. I prezzi non sono inferiori a quelli della Medina di Fés o Marrakech ma la qualità mi è sembrata decisamente superiore. 

Non mancano i negozi dove ragazze sorridenti cercheranno di attirare la vostra attenzione per spiegarvi le proprietà e i diversi usi dell’olio di argan, per l’acquisto dell’olio se potete, recatevi presso le cooperative di donne che si trovano appena fuori dalla città, lungo la strada per Marrakech. 

SPIAGGIA Sidi-Kaouki

4 km di sabbia finissima ed incontaminata, luogo di ritrovo prediletto tra i locali che vengono qui a rilassarsi, improvvisare partite di pallone e lasciare i bimbi liberi di giocare e correre sulla spiaggia. La zona però è battuta quasi tutto l’anno da forti venti e l’acqua dell’oceano è fredda e impetuosa. Non è la spiaggia più indicata per trascorre la classica giornata di mare, dove prendere il sole e fare il bagno ma è il luogo ideale per praticare surf, windsurf e kitesurf. Vi ricorderete del vento di Essaouira, soprattutto se venite a passeggiare sulla spiaggia, un vento costante e umido che vi obbliga ad indossare una felpa non appena vi spostate all’ombra anche in piena estate. 

ALTRI POST SUL MAROCCO

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Stay Connected

ABOUT ME

Curiosa, entusiasta, sempre in movimento. Da quando ho iniziato a viaggiare non ho piu smesso! Se vuoi conoscermi meglio clicca sulla mia foto.

Instagram Feed

Categorie

Archivi

Advertise

×